Parassiti intestinali cani e gatti

Parassiti intestinali cani e gatti
9 novembre 2018
Visualizzazioni: 105 Commenti:: 0

Parassiti intestinali cani e gatti

Chi è padrone di un animale domestico sa perfettamente a quali e quanti rischi sono esposti, soprattutto per quanto riguarda le infestazioni parassitarie. Tra queste ricordiamo solitamente quelle scatenate da pulci e zecche, ma non bisogna dimenticare anche quelle dovute a parassiti intestinali

I vermi intestinali infestano molto facilmente i fidati amici a quattro zampe che, purtroppo, possono trasmetterli anche all’essere umano, sono infatti una potenziale zoonosi, una condizione che potrebbe essere trasmessa a noi e ai bambini che sono in contatto continuo con l’animale.  Perciò è molto importante conoscerli e sapere come prevenirli, perché essere padrone di un cane o di un gatto è un grande piacere, ma bisogna anche essere responsabili nel proteggerli e curare la loro salute. 

Ecco quali sono i vermi intestinali che colpiscono più frequentemente i nostri amici animali:

- Vermi piatti o “Tenie”: sono caratterizzati da una testa uncinata che si attacca alla parete intestinale e da un collo con cui forma segmenti. In genere depongono le uova che si staccano nelle feci, infestando anche l’ambiente esterno. L’uomo può infestarsi toccano il terreno o i vegetali che contengono le uova;

- Vermi tondi: ve ne sono di diversi tipi, come l’Ascaridi, che producono uova nell’intestino trasmettendole attraverso le feci ed allo stadio larvale passano attraverso la placenta infestando anche i cuccioli. Ancora con caratteristiche simili vi sono gli Ancylostomi ed i Tricuridi, i più comuni e diffusi in canili e luoghi molto frequentati dai cani.


Non tutti i vermi hanno lo stesso meccanismo di riproduzione e diffusione, per questo motivo è molto importante avvertire il proprio veterinario di fiducia nel caso in cui si abbia il sospetto di un’infestazione in corso, in modo tale che ne evidenzi il tipo e stabilisca una terapia adeguata, prima che le condizioni dell’animale possano peggiorare. 

Per prevenire e ridurre il rischio di parassitosi è importante raccogliere le feci per diminuire la possibilità di infestazione dei terreni, alimentare l’animale con alimenti cotti, come ad esempio il pesce e la carne suina, evitando l’assunzione di forme larvali di parassiti, ma soprattutto è necessario effettuare controlli regolari delle feci per poi, nel caso, intervenire con adeguati trattamenti farmacologici

Queste sono solo alcune informazioni riguardo le infestazioni intestinali degli animali a quattro zampe, ma per saperne di più contattateci! Lo staff della Farmacia Carella è a vostra disposizione!


Commenti:

Scrivi un commento