Saturimetro: cos’è, a cosa serve e quale scegliere
11 maggio 2020
Visualizzazioni: 7708 Commenti:: 0

Saturimetro: cos’è, a cosa serve e quale scegliere

Il saturimetro – conosciuto anche con i nomi di pulsossimetro e ossimetro - è un dispositivo medico che si può utilizzare anche nelle abitazioni private e non solo nelle strutture mediche. Esso consente di misurare in modo automatizzato e rapido sia il grado di saturazione di ossigeno nel sangue sia la frequenza cardiaca.  

Per saturazione di ossigeno nel sangue s’intende la misura del livello di ossigeno dell’emoglobina all’interno del sangue arterioso periferico (nota con la sigla SpO2) in un determinato momento.  

Sono da ritenersi valori di saturazione di ossigeno normali da 95% a 100%; valore che, in condizioni normali, potrebbe essere sintomo d’iperventilazione. Al di sotto del 95%, invece, potremmo trovarci in presenza di: 

  • Ipossiemia lieve – tra il 91% e il 94% 
  • Ipossiemia moderata – tra l’86% e il 90% 
  • Ipossiemia grave - per valori uguali o minori dell’85% 

Per frequenza cardiaca s’intende invece la misurazione dei battiti del cuore al minuto; parametro che, in condizioni di salute e riposo, si assesta tra i 60 e i 100

A cosa serve il saturimetro? 

Monitorare costantemente il parametro SpO2 consente di tenere sotto controllo la nostra salute, anche in circostanze in cui non è possibile recarsi fisicamente dal dottore o in ospedale, soprattutto per soggetti con problematiche respiratorie come asma, polmonite, enfisema, bronchite e altre.  

Allo stesso modo, controllare la frequenza cardiaca permette di individuare velocemente aritmie ed eventuali alterazioni e valutare, ad esempio, se dispositivi come pacemaker o defibrillatori cardioverter funzionano correttamente o se le cure farmacologiche prescritte a soggetti con patologie cardiache stanno avendo i risultati sperati. 

Ecco quindi alcuni degli ambiti in cui il saturimetro si dimostra utile: 

  • Misurare la funzionalità respiratoria a casa, durante visite specialistiche o in ospedale; 
  • Monitorare nel tempo lo stato di salute di soggetti con problematiche respiratorie; 
  • Monitorare periodicamente il valore SpO2 in soggetti che soffrono di apnee nel sonno; 
  • Controllare la funzionalità respiratoria di soggetti fumatori; 
  • Verificare eventuali danni alla funzionalità respiratoria in soggetti particolarmente esposti ad agenti inquinanti; 
  • Controllare periodicamente la frequenza cardiaca nei soggetti con patologie cardiache o con pacemaker e similari. 

Come funziona il saturimetro? 

Utilizzare il saturimetro è davvero semplice: basta “pinzare” la punta di un dito (o il lobo di un orecchio o ancora, per i neonati, la pianta del piede) e il dispositivo fa visualizzare - rapidamente e in modo completamente automatico - nel monitor al LED i valori desiderati.  

Quale saturimetro scegliere: il consiglio della Farmacia Carella 

Noi di Farmacia Carella ti consigliamo un saturimetro professionale, comodo (perché portatile) e di facile utilizzo: ChoiceMMed OxyWatch MD300C13

Compatto, affidabile e di piccole dimensioni, il Saturimetro da dito ChoiceMMed OxyWatch è adatto sia per adulti che per bambini e neonati ed è ampiamente adottato in cliniche, ospedali, associazioni mediche, pronto soccorso e in ambito domestico. 

La misurazione della saturazione di ossigeno nel sangue e della frequenza cardiaca è precisa, professionale, rapida e completamente automatizzata

Commenti:

Scrivi un commento